Corsaro II a Maratea, gli allievi dell'Accademia studiano "ricerca del vento" 

31 luglio 2012 12.23
Continua il lungo periodo addestrativo in mare della Nave Scuola Corsaro II con a bordo nove allievi Guardiamarina del quarto anno dell’Accademia Navale di Livorno.
Lasciato il porto di Capri il 24 luglio scorso, salutato dal Sindaco, da diportisti e armatori, quella che è considerata la migliore espressione della marineria italiana e dello Sport Velico della Forza Armata, è in sosta nel porto di Maratea dove sarà all’ormeggio fino al 1 agosto prossimo.

“Le condizioni meteorologiche di questa navigazione sono state eccezionalmente miti” riferisce il Comandante, Tenente di Vascello Claudio Cuomo “il vento sostenuto solo in prossimità della costa, ha consentito ai Guardiamarina un rapido ambientamento e tanta attività in mare”.

Durante la navigazione, approfittando di momenti di bonaccia, alcuni di loro hanno intrattenuto l’equipaggio con conferenze su argomenti professionali e d’attualità.
Il lavoro di un velista è anche pazienza e ricerca del vento. Così come recitava l’Ammiraglio Agostino Straulino, che comandò il Corsaro II nel 1961, a completamento della Campagna d’Istruzione: “…un buon velista sarà molto coraggioso, ma al tempo stesso prudente, avrà un raro senso dei valori umani: avrà cioè quasi tutte le qualità indispensabili a un buon Ufficiale”.

31 luglio 2012 - RN