Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Prevenzione dei tumori della pelle, le raccomandazioni dei medici della Marina


Il tema è oggetto di un ciclo di incontri con la SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie sessualmente Trasmesse)

17 giugno 2016 Filippo La Rosa - Red. Web -

Chi lavora sotto il sole è più esposto a rischi per la pelle, oggi però la prevenzione e la medicina sono in grado di ridurre al minimo questi rischi.

Per sensibilizzare il personale sulla Prevenzione dei tumori della Pelle il 15 giugno si è tenuta a Roma, alla Caserma Grazioli Lante della Marina una giornata dedicata alla cura della pelle dai danni del sole e allo screaning. L'iniziativa fa parte della campagna "L’amore per il mare è nella nostra pelle", promossa dalla SIDeMaST (Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie sessualmente Trasmesse) insieme all’Ispettorato di Sanità Militare Marittimo, che promuove periodicamente l’organizzazione di incontri informativi-formativi. L'incontro di Roma è stato uno degli appuntamenti in programma che si sono svolti anche a Napoli, La Spezia e, il prossimo 23 giugno, Augusta.

Questo tema è particolarmente sentito, soprattutto per le persone che trascorrono lunghi periodi sotto il sole. Questo comporta una continua e reiterata esposizione ai raggi ultravioletti (UVA e UVB). L'esposizione costante e non protetta al sole può comportare rischi per la pelle, come scottature ed eritemi, ma anche patologie più gravi. Per questo è importante effettuare controlli dermatologici periodici.

Per difendersi dai danni del sole si raccomanda di seguire delle precauzioni generali (Brochure evento.pdf):

- usare una protezione solare con alto fattore di protezione (SPF 30 o superiore)
- proteggere gli occhi, indossando gli occhiali da sole
- la protezione è importante soprattutto nelle ore più calde (11.00-16.00)
- applicare la crema solare anche nolle giornate nuvolose, soprattutto dopo aver sudato
- proteggere anche le labra con uno stick solare.

Nel corso degli interventi tenuti dal capitano di vascello Filippo La Rosa - specialista in dermatologia della Marina - e dalla professoressa Ketty Peris  - Direttore della Clinica Dermatologica del Policlinico Gemelli di Roma - sono stati illustrati i punti salienti delle patologie tumorali cutanee legate all’esposizione al sole, sottolineando l’importanza di una corretta fotoesposizione e soprattutto di un'efficace azione di prevenzione.

La prevenzione è efficace anche grazie alle campagne di sensibilizzazione e, soprattutto, mediante l’autoesame della pelle uno dei momenti fondamentali per la diagnosi precoce dei tumori cutanei (scarica le Linee guida autoesame della cute.pdf).

La giornata si è conclusa con lo screening dermatologico offerto ai partecipanti dagli specialisti dermatologi universitari e militari degli ambulatori dell'Infermeria Presidiaria di Roma.