Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Amerigo Vespucci, in Oceano Atlantico nasce il corso Dunatos (ΔΥΝΑΤΌΣ)


Dunatos deriva dal Greco antico e significa letteralmente potente-capace-forte (intellettualmente, fisicamente e moralmente), in grado di migliorarsi continuamente. Deriva da “Dunamai” che rappresenta un'èlite accomunata dal medesimo ideale

4 settembre 2017 Umberto Castronovo -

​I giorni scorsi è nato il corso degli allievi della 1^ classe dell’Accademia Navale di Livorno. Non più singoli allievi ma un team, un gruppo di militari che, nell’intero arco della propria carriera professionale e non solo, potrà sentirsi profondamente legato l’un l’altro dal corso Dunatos, dal motto e dalla bandiera distintiva.

Lo sfondo dell’Oceano Atlantico in una bella giornata di navigazione, tra le Isole Azzorre e la Spagna, hanno consentito di svolgere perfettamente la cerimonia con il tradizionale “urlo” degli allievi saliti sulle alberate della Maestra e della Mezzana, per formalizzare all’Oceano la nascita del loro corso.

Appresa la notizia il Capo di Stato Maggiore della Marina, ammiraglio di squadra Valter Girardelli, ha salutato calorosamente la nascita del corso Dunatos, augurando agli allievi “che i venti e la potenza del mare vi siano sempre favorevoli per vincere tutte le sfide che incontrerete sul vostro cammino professionale, per il superiore bene della Marina Militare, della Difesa e della Nazione”.

Grande soddisfazione per il traguardo raggiunto viene confermata dal comandante alla classe, capitano di corvetta Michele Franceschino, che in questa avventura oltreoceano ha l’onore e il privilegio di gestire la crescita professionale a 360° dei suoi 125 allievi, tutti alla prima esperienza in mare e a bordo.

“La nascita di questo Corso descrive i sogni e le attese che gli allievi hanno perseguito per l’intero anno di studi. Per me rappresenta invece un traguardo, un punto di arrivo ma allo stesso modo un luogo di partenza verso nuove sfide e obiettivi. Avere un riferimento personale sulla bandiera del corso Dunatos, per me significa essere riuscito a trasmettere ai miei allievi quei valori fondanti in cui tutti noi crediamo, con una nota di affetto che ci lega profondamente. Adesso i Dunatos sono nuovamente pronti ad armare la prora e salpare verso nuovi orizzonti”.

ORIGINI DEL NOME

Dunatos deriva dal greco antico e significa letteralmente potente-capace-forte (intellettualmente, fisicamente e moralmente), in grado di migliorarsi continuamente. Deriva da “Dunamai” che rappresenta una èlite accomunata dal medesimo ideale, “coloro che comandano con l’esempio”, i ricchi d’animo e i nobili di cuore, tutti valori che devono animare ogni ufficiale della Marina Militare. Nella radice “Du” è inoltre presente il rimando al concetto di potenza, espressione fondante della cultura Greco-Latina.

IL MOTTO

Il motto “alii et alii horizontes cui potentiam maris non timet” (nuovi orizzonti raggiunge chi non teme la potenza del mare) vuole rappresentare il susseguirsi di sempre nuove sfide che ogni allievo si troverà ad affrontare, proprio come avviene solcando i mari, ove una volta raggiunto un’orizzonte se ne profila immediatamente uno nuovo. Gli allievi infatti, pur rispettando e provando estrema reverenza per la forza del mare, non lasciano che il timore di esso inibisca le loro azioni.

LA BANDIERA

Sulla bandiera dallo sfondo verde, issata sull’albero di maestra, è raffigurato l’Oceano Atlantico da cui emerge il possente braccio di Nettuno con in pugno il tridente, simbolo di forza e potenza in mare. Sulla destra dell'immagine appaiono due colonne di un antico tempio, in rappresentanza delle colonne d’ercole con il superamento dei limiti della conoscenza umana. Presente anche un braciere volto a ricordare la fiaccola della Statua della Libertà (simbolo caratteristico della Campagna d’Istruzione nel Nuovo Continente).

In alto, sopra l'oceano, la costellazione Cassiopea che brilla nel cielo verso oriente, rotta seguita da nave Vespucci per il rientro in patria ed in omaggio al comandante alla classe come guida e riferimento. A circondare il simbolo un ramo di quercia sulla sinistra, emblema della forza, mentre sulla destra un ramo di alloro, emblema della Repubblica Italiana, entrambi con una foglia di acero in ricordo della Confederazione Canadese.

Un Corso che si presenta all’Oceano Atlantico e alla Marina Militare con un’esperienza unica di navigazione e di attività vissute nel Nuovo Continente che sono il giusto presupposto per ulteriori successi professionali. Ancora una volta nave Scuola Amerigo Vespucci ha addestrato e formato nel segno del proprio motto “non chi comincia ma quel che persevera” un nuovo corso che oggi ha una sua identità ed una storia, così come vuole la tradizione della Marina Militare fin dal 1931.