Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Messina in “Festa per la Marineria”


Oltre 20mila persone hanno visitato la base navale durante i quattro giorni della manifestazione

10 ottobre 2017 Alberto Gusmano -

Il Comando Marittimo di Sicilia ha aperto le porte della base navale di Messina in occasione della seconda edizione della Festa della Marineria.
Da giovedì 5 a domenica 8 ottobre è stato possibile visitare alcuni gioielli della Marina Militare, tra i quali le navi Palinuro, Corsaro II, Libra e Linosa. La festa – dedicata all'identità territoriale, alla cultura e allo sport - è stata arricchita da cinque mostre permanenti all'interno del Forte San Salvatore e da un fitto programma di eventi quotidiani.

La regina indiscussa è stata nave Palinuro, la goletta della Marina Militare che ha appena terminato la campagna d'istruzione in Mediterraneo orientale a favore degli allievi sottufficiali. Nelle quattro giornate 6.500 persone sono salite a bordo, tremila solo nella giornata di sabato, quando il Comandante ha assicurato un'apertura straordinaria serale vista l'eccezionale affluenza di visitatori.

Molte le scolaresche giunte fin dalla mattinata di giovedì – alunni dell'Istituto I.S. Antonello da Messina, del Liceo musicale Ainis, del Liceo artistico Basile, dell'Istituto tecnico agrario Cuppari e turistico Quasimodo, dell'Istituto tecnico nautico Caio Duilio di Messina e Duca degli Abruzzi di Catania - con l'inaugurazione alla presenza del Comandante Marittimo Sicilia, contrammiraglio Nicola de Felice.

Con il taglio del nastro hanno avuto inizio le attività culturali, tra le quali la presentazione del nuovo Corso di studi in "Scienze e Tecnologie della navigazione" a cura dell'Università di Messina nonché convegni sulla medicina subacquea e sulle ricerche di relitti moderni – con la partecipazione straordinaria del Sovrintendente del Mare della Regione Siciliana prof. Sebastiano Tusa - ma anche le esercitazioni pratiche dei sub della Marina Militare e di altri Reparti delle Forze Armate e Forze dell'Ordine.

Nella giornata di venerdì è stato presentato il Calendario 2018 della Marina Militare e, a seguire, si è tenuto il focus giornalistico dedicato al "Ruolo della Sicilia in un mare non più nostrum", che ha visto - tra gli altri - la partecipazione del giornalista e scrittore Pietrangelo Buttafuoco.

La fanfara di Marina Sud, la banda della Brigata meccanizzata Aosta dell'Esercito Italiano, e la fanfara del 12° battaglione Carabinieri Sicilia hanno intrattenuto il pubblico durante tutto il periodo della manifestazione.

La giornata di sabato è stata colorata dal corteo storico dedicato alla battaglia di Lepanto, della compagnia rinascimentale della Stella, e dai giochi pirotecnici al termine dello spettacolo di gala che ha visto anche la premiazione del concorso artistico scolastico dal tema "L'evoluzione delle navi da Lepanto ad oggi".

Domenica è stata dedicata alla vela con le due regate Sunfish e  d'altura nello stretto, il  "IX Trofeo della Marina e città di Messina" con barche provenienti dalla Sicilia e dalla Calabria. La manifestazione si è infine conclusa con un concerto dell'orchestra giovanile  "Falcone-Borsellino" della Fondazione "La città invisibile" a bordo di nave Palinuro, accompagnati dalla violinista di fama internazionale Maristella Patuzzi. 

«La partecipazione sentita e massiccia delle altre Forze Armate sintetizza quei sani principi e valori etici alla base dei rapporti di sinergia e coesione interforze - ha commentato l'ammiraglio de Felice - questa II ^ edizione della Festa della Marineria ha consentito di raggiungere obiettivi importanti per il rilancio della cultura del mare ed in generale del territorio, ma anche con la rinnovata integrazione e fattiva collaborazione voluta dalla Marina Militare con la città, l'Università e gli Istituti scolastici di Messina».