Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Nave Alghero termina l'esercitazione Spanish-Minex 2018


Il cacciamine italiano ha effettuato l’addestramento per la ricerca e la neutralizzazione di mine navaIi, insieme alle altre unità navali del dispositivo Nato

17 maggio 2018 Giuseppe Lucafò -

Il cacciamine della Marina Militare Alghero ha terminato l’esercitazione multinazionale “Spanish Minex 2018”, condotta nella prima decade di maggio al largo delle isole Baleari insieme all’unità inglese Enterprise, al cacciamine turco Anamur e al cacciamine spagnolo Segura - che costituiscono lo Standing Nato Mine Counter Measures Group 2 (SNMCMG2) - ai cacciamine della Marina spagnola, all’unità della Marina greca Evropi e agli assetti del dispositivo europeo COMEUROMARFOR, composto per l’occasione dalla corvetta portoghese Viana do Castello e dal cacciamine spagnolo Duero.

L’esercitazione, che si svolge con cadenza annuale, era iniziata il 30 aprile con la partenza delle unità navali dal porto di Mahon, nell’isola di Minorca, e nel corso dei giorni ha permesso agli equipaggi di addestrarsi nella ricerca e neutralizzazione di mine navali, rappresentate da simulacri inerti, nell’ambito di una simulazione di situazione di crisi internazionale tra due Paesi, con un alto livello di minaccia nemica di superficie e aerea per le navi della coalizione NATO. Inoltre, la stessa ha visto la presenza eccezionale del Centre for Maritime Research and Experimentation (C.M.R.E.), imbarcato a bordo dell’Enterprise con l’obiettivo di testare le capacità degli Autonomous Underwater Vehicles (AUVs) in supporto alle operazioni di contromisure mine.

La “Spanish Minex 2018” ha di fatti garantito un adeguato addestramento a tutte le unità navali partecipanti ed in particolare al gruppo SNMCMG2 di contromisure mine di cui fa attualmente parte nave Alghero, uno dei quattro gruppi navali permanenti che compongono la forza marittima di reazione rapida della NATO e che, in particolare, fornisce all’alleanza una capacità operativa indispensabile per assicurare, in tempo di crisi, il libero accesso ai porti e la sicurezza della navigazione.

Il dispositivo NATO, dopo una breve sosta nel porto di Palma di Maiorca, ha proseguito le attività in mare e la navigazione verso le coste siciliane, dove parteciperà all'esercitazione Mare Aperto e Italian Minex, svolgendo al contempo attività di sorveglianza marittima, controllo del traffico mercantile ed esercitazioni, con l’obiettivo di mantenere sempre un adeguato livello addestrativo e conseguire una migliore interazione tra gli equipaggi delle diverse nazionalità. Nave Alghero, terza unità cacciamine della classe Gaeta, lascerà il gruppo NATO ai primi di giugno 2018 per fare rientro nel porto di La Spezia.