Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Nave Rimini a Gallipoli in occasione dei festeggiamenti del patrono della gente di mare

Dall'8 all'11 giugno nave Rimini ha fatto sosta nel porto di Gallipoli, dove ha partecipato ai festeggiamenti in onore di San Francesco di Paola, patrono della gente di mare, aprendo le porte alla popolazione locale

13 giugno 2018 Simone Venturini -

Il cacciamine Rimini della Marina Militare è giunto nel porto di Gallipoli lo scorso venerdì 8 giugno, nell'ambito dell'attività operativa che vede l'unità impegnata nel golfo di Taranto a tutela della sicurezza della navigazione.

La presenza dell'unità nella città pugliese è stata accolta con affetto dalla popolazione locale, che ha potuto visitarla nei giorni di sabato e domenica. Circa 300 visitatori hanno potuto apprezzare in prima persona i sistemi tecnologicamente avanzati che permettono all'unità di effettuare ricerca e rimozione di ordigni, nonché di individuare relitti e beni archeologici sommersi.

Nave Rimini è stata protagonista, negli ultimi mesi, della sperimentazione di nuovi sistemi filoguidati, strumenti che, grazie a sofisticati sensori a elevate capacità sono idonei alla ricerca di oggetti sommersi fino a profondità di oltre 1000 metri. Utilizzando tali mezzi, l'unità ha compiuto numerose campagne che le hanno permesso di localizzare relitti nel Mar Tirreno risalenti al primo e al secondo conflitto mondiale.

Nella giornata di domenica, il Sindaco, il Vescovo e le principali autorità della città hanno fatto visita all'unità, prima dei suggestivi festeggiamenti di San Francesco di Paola, patrono della gente di mare, che si sono conclusi proprio a bordo del cacciamine e che hanno visto una forte partecipazione della popolazione.

L'evento ha visto coincidere i festeggiamenti della città con il 100° anniversario dell'impresa di Premuda, accomunando i cittadini di Gallipoli all'equipaggio di nave Rimini in una giornata di festa caratterizzata da una forte vicinanza tra il personale della Marina e la popolazione locale.