Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

A Verona, la presentazione del volume “La Grande Guerra sul Garda orientale”


Dopo due anni di ricerche d'archivio, ricognizioni e rilievi archeologici con i più moderni strumenti della conflict archaeology nei luoghi della grande guerra

13 giugno 2018 Christian Zorzut -

Venerdì 8 giugno 2018, nella splendida cornice di Palazzo Paletta dai Prè a Verona, sono stati presentati alla stampa ed al pubblico convenuto i risultati del progetto di ricerca scientifica "Il Lago di Garda orientale durante la prima guerra mondiale", sviluppato con il patrocinio della Marina Militare.

L'iniziativa, promossa dal Liceo Statale "Scipione Maffei" della città scaligera ha visto coinvolti, accanto ad un gruppo di studenti del liceo classico, altrettanti professionisti tra storici e docenti universitari, archeologi e archivisti. Il progetto di ricerca prevedeva lo studio della Grande Guerra sul Lago di Garda e sulle vicine montagne del lato veronese e trentino ed è stato finanziato nell'ambito del "Bando Grande Guerra" della Presidenza del Consiglio dei Ministri, classificandosi 21° su oltre 800 proposte arrivate dalle Università, dalle Fondazioni, dai Centri di Ricerca e dalle scuole di tutta Italia.

Gli studenti del Liceo veronese, assistiti dal team di esperti selezionati, hanno ricostruito le vicende della Regia Marina sul Garda, approfondendo l'organizzazione difensiva del bacino, quella del servizio navale che vi si svolgeva e le principali azioni compiute dalla Regia Marina sul più grande lago italiano durante la Grande Guerra.

Dopo due anni di ricerche d'archivio, ricognizioni e rilievi archeologici con i più moderni strumenti della conflict archaeology nei luoghi della grande guerra, il progetto didattico si è concluso con la pubblicazione di un volume scientifico di oltre 200 pagine e con la realizzazione di una mostra fotografica che, a partire da giugno, sarà ospitata presso i principali comuni della sponda veronese e trentina del Lago di Garda.

Sin dall'inizio, la Marina Militare ha patrocinato l'iniziativa, ritenendola estremamente valida sul piano scientifico-culturale e utile per la valorizzazione delle vicende della Regia Marina nel corso della Grande Guerra.

Grazie ai documenti reperiti presso l'archivio e la fototeca dell'Ufficio Storico, gli specialisti e gli studenti coinvolti nel progetto hanno ricostruito minuziosamente la storia della Flottiglia del Garda e del Comando Servizi della Regia Marina sul Garda, la consistenza delle forze ivi dispiegate e le principali operazioni di combattimento, mettendo in risalto il carattere interforze degli avvenimenti militari che si svolsero su quel fronte e il supporto che la Regia Marina assicurò alle comunità benacensi.

A sottolineare l'attenzione della Marina Militare per l'attività del Liceo "Scipione Maffei", è intervenuto alla conferenza stampa dell'8 giugno il contrammiraglio Andrea Romani, Comandante dell'Istituto di Studi Militari Marittimi e del Presidio Marina Militare di Venezia. Nel suo intervento introduttivo, l'ammiraglio Romani ha espresso l'apprezzamento della Forza Armata per lo studio condotto dai ricercatori e dagli studenti e per il volume e la bella mostra che ne sono derivati, sottolineando la modernità delle operazioni militari che, cento anni fa, videro la Regia Marina assoluta e vittoriosa protagonista anche sul Lago di Garda.