Marina Militare
Skip Navigation LinksHome page > Notiziario della Marina online

Santa Barbara: celebrata oggi la Patrona della Marina Militare


Il Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, ha preso parte alle messa celebrata nella Basilica di San Giovanni in Laterano in onore di Santa Barbara, patrona della Marina Militare, dei Vigili del Fuoco, dell’Arma di Artiglieria e del Genio dell’Esercito

4 dicembre 2018 Redazine Web Difesa -

​Oggi si celebra Santa Barbara, patrona e protettrice di Marina Militare, Vigili del Fuoco, Arma di Artiglieria e del Genio dell’Esercito.

Una ricorrenza celebrata questa mattina con la Santa Messa celebrata nella Basilica di San Giovanni in Laterano, presente il Ministro della Difesa, Elisabetta Trenta, a testimoniare la sua vicinanza agli uomini e alle donne della Marina Militare, dei Vigili del Fuoco e delle Armi di Artiglieria e Genio dell’Esercito.

Presenti anche il Capo di Stato Maggiore della Marina Militare, Ammiraglio Valter Girardelli, e il Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, Fabio Dattilo, che nei loro interventi hanno sottolineato professionalità, impegno e sacrificio di coloro che ogni giorno operano al servizio del Paese e dei cittadini.

Alla cerimonia hanno preso parte anche il Ministro dell’Interno, Matteo Salvini, il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Enzo Vecciarelli, il Capo di Stato Maggiore dell’Aeronautica, Generale di Squadra Aerea Alberto Rosso, Autorità civili, militari e religiose.

Ad officiare la messa, Monsignor Santo Marcianò, Ordinario Militare per l’Italia, che nella sua omelia  ha richiamato l’importanza della missione dei Militari della Marina e dei Vigili del Fuoco: “il vostro ‘dare’ e il vostro ‘darvi’ rende possibile comporre ogni contrasto, anche quello difficile che oggi viviamo nel nostro Paese, tra l’esigenza di tutela della sicurezza nazionale, di cui siete a servizio, e la responsabilità di salvaguardare il soffio vitale presente nell’uomo - in ogni creatura umana, senza distinzione e scarto, senza discriminazioni di razza, lingua e religione - di cui siete a difesa”.

Una Basilica gremita ha poi ascoltato la Preghiera del Marinaio e la Preghiera del Vigile del Fuoco, dedicate a tutti coloro che nel compiere il loro dovere al servizio del Paese hanno sacrificato la loro vita per il bene superiore