Skip Navigation LinksHome page > Conosciamoci > Giornale di Bordo

La Madonnina di Betasom compie 25 anni


21 giugno 2010 15.59

Taranto, 18 giugno. Nella Cappella del Comando delle Forze Subacquee, è stata celebrata la Santa Messa per ricordare l’arrivo a Taranto all'allora sede del Comando dei Sommergibili (MARICOSOM) della Madonnina di Betasom, avvenuto il 2 giugno 1985.

Alla cerimonia hanno partecipato gli equipaggi dei sommergibili presenti in sede con i propri familiari, il decano dei Sommergibilisti italiani, l’Ammiraglio Vittorio Patrelli Campagnano, e il Comandante Mario Rossetto, illustri comandanti in guerra rispettivamente dei Sommergibili Platino e Finzi. Presente anche l’Ammiraglio di Divisione Giuseppe Arena, all'epoca Comandante di Maricosom, e le figlie di due Sottufficiali caduti in guerra sul sommergibile Giuliani, rispettivamente la Signora Appi Maria Luisa e la Signora Principale Addolorata.

Alla base della scultura sacra che rappresenta l’immagine della Madonnina è incisa la scritta “LA SAINTE VIERGE” e il nome dello scultore Gracie Serraz. Fu acquistata, nel corso della Seconda Guerra Mondiale, con le offerte personali degli equipaggi dei trentuno sommergibili italiani che operarono in Oceano Atlantico. Venne collocata nella Cappella della base di Betasom a Bordeaux, in Francia. Ormai riconosciuta come “Santa Maria dei Sommergibilisti” la statua gode, fra le altre, anche della benedizione del Sommo Pontefice, Giovanni Paolo II, impartitagli durante la visita apostolica che il Santo Padre fece alla Città di Taranto il 28 ottobre 1989.