Skip Navigation LinksHome page > Conosciamoci > Giornale di Bordo

La Marina dal Regno Sardo al Regno d'Italia


8 gennaio 2011 11.23

 Nel 2011 ricorre il 150° anniversario dell'Unità d'Italia; constestualmente alla proclamazione del Regno d'Italia nasce anche la Regia Marina. Ripercorriamo insieme gli eventi principali che hanno portato all'attuale Marina Militare.

Il conte Camillo Benso di CavourNel maggio 1860, Giuseppe Garibaldi parte da Quarto, con i piroscafi Lombardo e Piemonte, per la sua spedizione nel Regno delle Due Sicilie. Cavour dispone che venisse seguito da due navi della Marina sarda al comando dell'ammiraglio Carlo Persano. Quando le navi giungono in vista di Milazzo sono avvistate quattro navi borboniche (il Fulminante, il Guiscardo, l'Ettore Fieramosca e il Tancredi) al comando di Vincenzo Sanlazar. I due comandanti trattano fra di loro e le navi borboniche si allontanano. Garibaldi può far sbarcare i suoi uomini a Marsala e iniziare la vittoriosa spedizione che in breve tempo lo portò a Napoli. Contemporaneamente si sviluppavano gli avvenimenti che portarono ai referendum di annessione dei vari Stati italiani al Regno di Sardegna.

Il 17 novembre 1860 vengono unificate le Marine sarda, borbonica, toscana, il 17 marzo 1861, con la proclamazione del Regno d'Italia da parte del Parlamento di Torino, nasce la Regia Marina. Nel 1861, all'indomani dell'istituzione del nuovo Ministero della Marina, il conte Camillo Benso di Cavour, allora Presidente del Consiglio e Ministro della Marina, afferma:

"...voglio delle navi tali da servire in tutto il Mediterraneo capaci di portare le più potenti artiglierie, di possedere la massima velocità, di contenere una grande quantità di combustibile. [..] Consacrerò tutte le mie forze e ciò che posso aver conquistato d'influenza parlamentare, affinché l'organizzazione della nostra Marina Militare risponda alle esigenze del Paese".

L'appena nato regno d'Italia dispone di una flotta con un buon numero di legni a vela e a vapore, tuttavia l'Armata Navale, come si chiamava, a quei tempi, la Squadra navale, é il risultato dell'unione di più marine eterogenee: ciò ne limita inizialmente le possibilità e capacità operative. Cavour elabora un programma che prevede lo scioglimento dei Ministeri di Marina di Napoli e di Sicilia, la riorganizzazione di tutto il personale militare e civile, la costituzione di tre dipartimenti marittimi (Genova, Napoli, Ancona) e la costruzione, a La Spezia, di un moderno ed efficiente arsenale.

Nuove unità sono impostate nei cantieri italiani: le fregate corazzate di 2^ classe Principe di Carignano, Messina, Roma, Venezia, Conte Verde, tutte con scafo in legno. Le due fregate corazzate di 1^ classe, il Re d'Italia e il Re di Portogallo, sono commissionate negli Stati Uniti. Dai cantieri francesi vengono varate le fregate corazzate Ancona, Castelfidardo, Maria Pia e San Martino; le corvette corazzate Formidabile e Terribile; le cannoniere corazzate Palestro e Varese. In Gran Bretagna é commissionato l'ariete-corazzato Affondatore, una delle prime navi a torri della storia navale.

 

Approfondimenti

 

Giancarlo Vallauri scelto tra i migliori 150 servitori dello Stato

Il Presidente della Repubblica alla festa per i 150 anni della Marina