Skip Navigation LinksHome page > Conosciamoci > Giornale di Bordo

Avvicendamento al vertice dell’Operazione 'Mare Nostrum'


27 novembre 2013 08.18

Avvicendamento al comando del 29° Gruppo Navale dell’Operazione Mare Nostrum. Il contrammiraglio Mario Culcasi, Comandante delle Forze da Pattugliamento per la sorveglianza e la difesa costiera (COMFORPAT) è subentrato al contrammiraglio Guido Rando.

L’Operazione Mare Nostrum, voluta dal Governo italiano per far fronte alla eccezionale ondata di migranti provenienti dalle coste africane e del Medio Oriente, ad oggi, ha assistito circa 3500 migranti. Inoltre, il 9 novembre 2013, dopo appena tre settimane dall’avvio dell’operazione, è stato portato a segno un punto importante nelle attività che mirano a contrastare le organizzazioni criminali dedite ad un vero e proprio traffico di uomini attraverso il Mediterraneo: il fermo di una Unità madre e del relativo equipaggio, composto da 16 uomini, consegnato alla procura di Catania, ed il contestuale soccorso a 176 migranti rimorchiati dalla stessa unità madre.

Nell’operazione Mare Nostrum si sono avvicendate in mare - fino ad ora - 18 Unità della Squadra Navale per un totale di circa 2400 uomini e donne imbarcati. A questi si aggiungono tutti gli uomini e le donne della Capitaneria di Porto, della Guardia di Finanza, dell’Aereonautica Militare e della Polizia di Stato che ogni giorno partecipano alle operazioni di soccorso dei migranti in mare.

I risultati fino ad oggi conseguiti rappresentano il frutto di un efficace spiegamento di una task force aereonavale costituita da una unità anfibia - sede del comando dell’Operazione - Nave San Marco, due unità navali tipo fregata classe Maestrale e due unità navali tipo Pattugliatore classe Comandanti e classe Costellazioni oltre agli elicotteri organici tipo EH101 o AB212 per un totale di circa mille militari imbarcati.

Al dispositivo partecipano altresì le motovedette della Capitaneria di Porto, aerei da pattugliamento tipo P180 e Atlantic impiegati dalla Marina Militare, il velivolo Predator dell’Aeronautica Militare, un aereo pattugliatore P180 e un elicottero AW139 della Polizia di Stato, motovedette ed elicotteri A109 della Guardia di Finanza e aerei e navi provenienti dal Lussemburgo, Finlandia e Portogallo inseriti nell’Operazione Europea “Frontex”. Il Contrammiraglio Guido Rando cede il Comando del Ventinovesimo Gruppo Navale dell’Operazione Mare Nostrum ed assume il Comando del neo-costituito “Primo Gruppo Navale” con sede nella base navale di Brindisi.

27 NOV 2013 - DEL