Skip Navigation LinksHome page > Cosa facciamo > Capacità duali

Attività Protezione Civile

Descrizione generale

La Marina Militare, in qualità di struttura operativa del servizio nazionale di protezione civile al pari delle altre Forze Armate, mette a disposizione del Dipartimento di Protezione Civile (DPC) della Presidenza del Consiglio dei Ministri le proprie risorse e capacità in caso di pubblica calamità per fare fronte all’emergenza. Stante le competenze del DPC, le pubbliche calamità possono essere sia di tipo naturale (terremoti, maremoti, etc.) che antropico (incendi, inquinamenti, etc.). La Marina mette quindi a disposizione ed interviene con le seguenti tipologie di mezzi e forze:

    • unità navali dotate di capacità sanitarie, spazi alloggiativi, aeromobili imbarcati, spazi e sistemi di supporto per un centro di crisi, capacità di trasporto mezzi di soccorso ed erogazione servizi di prima necessità;
    • reparti delle forze anfibie in grado di operare e prestare soccorso sul terreno;
    • aeromobili basati a terra ed equipaggiati per attività di soccorso o contrasto degli incendi;
    • unità navali dotate di sistemi per il contrasto dell’inquinamento marino da idrocarburi.

Esempi di attività svolte

    • Intervento di nave Cavour come assetto della Protezione Civile italiana nell’ambito dell’operazione umanitaria di soccorso alla popolazione di Haiti del 2010 (Operazione White Crane).
    • Pianificazione e conduzione di esercitazioni antinquinamento volte a verificare le capacità e procedure interne d’intervento in caso di grave evento di inquinamento marittimo, con il coinvolgimento degli altri attori istituzionali.
    • Partecipazione a esercitazioni organizzate dal DPC per testare le capacità di intervento in caso di maremoto.
    • Partecipazione su base annuale, da oltre 20 anni, alla lotta agli incendi boschivi sul territorio nazionale assicurando, da giugno ad ottobre, il pronto intervento di elicotteri.