Skip Navigation LinksHome page > Cosa facciamo > Flotta Verde

FLOTTA-VERDE.jpg

foto01.jpgIl progetto "Flotta Verde" nasce dall'esigenza operativa di individuare un prodotto alternativo al combustibile navale di origine petrolifera (gasolio codice NATO F76), utilizzato a bordo delle Unità Navali. 

L'obiettivo strategico è quello di assicurare la disponibilità di un combustibile, in grado di arginare, in parte, ai rischi di approvvigionamento da paesi a forte instabilità socio-politica, dall'altro quello di sottolineare con iniziative concrete l'impegno della MM a favore delle problematiche ambientali, tramite l'utilizzo di combustibili alternativi a quelli derivati dal petrolio come il gas naturale liquefatto e i biocarburanti.

Gli ambiziosi obiettivi del Progetto Flotta Verde prevedono entro il:

2015  – la certificazione delle unità di prima linea della Squadra Navale all'impiego di gasolio verde a specifica F76 ("green F76").

2016 – la Flotta Verde in navigazione: una formazione di unità navali operanti in Mar Mediterraneo con il 50% dell'energia da fonti alternative al petrolio.

2020 – Riduzione fino al 40% della dipendenza dal petrolio della Squadra Navale rispetto ai livelli attuali, in uno scenario di media intensità energetica.

Con il programma di rinnovamento della Flotta recentemente avviato, la Marina Militare promuove l'eccellenza industriale italiana e il vantaggio competitivo in settori strategici come quelli dell'energia, della cantieristica, della motoristica e dell'automazione.

Faranno parte della nascente Flotta Verde:

  • le nuove unità, attualmente in fase di progetto secondo i più innovativi criteri di ecodesign;
  • le unità in linea, con mirati interventi di qualificazione energetica.

 

La Marina è stata insignita del premio Green Global Banking Award, durante una giornata di studio dedicata al tema del buon funzionamento dell'economia verde, per lo straordinario impegno nella cura e nella custodia del nostro Mar Mediterraneo, attraverso il progetto "Flotta Verde" e con il contributo alla Marine Strategy dell'Unione Europea.

Intervista su Radio 24 al Capo Ufficio Apparati Motori C.F. Pasquale Tripodi:

Prima Parte - Seconda Parte