Skip Navigation LinksHome page > Cosa facciamo > Mare Aperto 2017
Joint Stars - Mare Aperto 2017

Dal 16 al 27 ottobre nel Mediterraneo Centrale, uomini e donne della Marina Militare si addestreranno, nell’esercitazione MARE APERTO 17-2 (MA 17-2). Nell'ambito dell'esercitazione è previsto lo svolgimento di un'operazione anfibia, a livello tattico, finalizzata al conseguimento e alla certificazione della IOC (Interim Operational Capability) della Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare (CNPM).

Logo MA17-2 rid.pngLa MA 17-2 è il secondo evento addestrativo complesso del 2017 della Marina Militare: in mare la Marina schiera una Task Force Anfibia (Amphibious Task Force – ATF) composta dall’incrociatore portaeromobili Giuseppe Garibaldi,  le navi anfibie San Giusto e San Marco, con due unità di scorta, il cacciatorpediniere Caio Duilio e la fregata Alpino, la rifornitrice di squadra Vesuvio e il sommergibile Longobardo. All’esercitazione prenderanno parte anche i cacciamine Gaeta e Termoli, la nave idrografica Aretusa e il Moto Trasporto Costiero Tavolara, per le operazioni di bonifica e mappatura delle zone di sbarco.

La Forza da Sbarco (Landing Force – LF), composta dal 1° Reggimento Fanteria di Marina San Marco e da elementi del Reggimento Lagunari Serenissima dell’Esercito, parte della Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare (CNPM), effettuerà lo sbarco con l’inserimento dal mare in ambiente ostile di una forza che costituisca la premessa per l’ ulteriore inserimento di assetti dal mare, secondo il concetto del “seabasing”,  ovvero in assenza di basi terrestri nell’area di operazioni.

L’esercitazione prevede interazioni  nelle principali forme di lotta sul mare e dal mare, quali la difesa delle navi nella lotta antiaerea, antisommergibile ed antinave, il contrasto alle attività illegali sul mare, la gestione di situazioni di crisi in ambienti con presenza di minaccia convenzionale e asimmetrica.

La MA17-2 è organizzata dal Comando in Capo della Squadra Navale e viene condotta dal Comando della Terza Divisione Navale.

 

Insieme all’esercitazione Lampo 17 dell’Esercito e all’esercitazione Vega 17 dell’Aeronautica Militare, la Mare Aperto 17-2 è un’esercitazione “federata” all’interno della fase "Live" (Livex) nella seconda parte della Joint Stars 17 (JS 17). L’esercitazione JS 17 è una esercitazione nazionale interforze, concepita per addestrare i comandi e le forze sulle diverse tipologie di missioni che potranno essere oggetto di future operazioni nazionali, multinazionali e di coalizione.

JS 17 integra più esercitazioni di Forza Armata per conseguire una maggiore interoperabilità e massimizzare il valore addestrativo, mettendo insieme le diverse componenti dello strumento militare nazionale e anche alcuni assetti di Paesi della NATO. 

La prima parte dell’esercitazione si è svolta dal 10 al 15 giugno 2017 ed è stata del tipo Command Post Exercise/Computer Assisted Exercise (CPX/CAX). La seconda, iniziata il 25 settembre, in forma CPX, proseguirà in forma Livex (con le truppe, a fuoco) dal 16 al 27 ottobre e prevede la pianificazione e la condotta di un’operazione, a livello operativo e tattico, per l’evacuazione di connazionali da un paese in situazione di grave crisi (Non-combatant Evacuation Operation – NEO);  in questa fase è previsto lo sbarco anfibio della Mare Aperto. Nell'ambito dell'esercitazione è previsto anche lo svolgimento di un'operazione anfibia per conseguire la certificazione IOC (Interim Operational Capability) della Capacità Nazionale di Proiezione dal Mare (CNPM).

Jointstars17.jpg