Marina Militare

La campagna degli allievi della seconda classe dell’Accademia Navale toccherà diversi porti del Mediterraneo

23 luglio 2019 Francesco Giudice

Domenica 21 Giugno 2019 è iniziata la campagna d’Istruzione della 2a classe dell’Accademia Navale del corso “Akraton” a bordo di nave Etna. Al comando del Capitano di Vascello Luca Pasquale Esposito, nave Etna ha preso il mare con un equipaggio composto da 276 membri equipaggio, che include i 119 allievi dell’Accademia Navale, tra i quali 17 cadetti provenienti da Arabia Saudita, Kuwait, Malta, Perù, Tunisia e Ucraina.

Concluso il secondo anno di studi in Accademia gli allievi, dopo aver sostenuto una prima parte di addestramento presso la Brigata Marina San Marco a Brindisi, svolgeranno a bordo di nave Etna un intenso e diversificato programma di formazione incentrato sulla condotta della navigazione, sul settore marinaresco e sulle operazioni di sicurezza marittima; al contempo, acquisiranno la consapevolezza dell’importanza del lavoro di squadra, dello spirito di servizio e soprattutto del valore assoluto dell’Equipaggio.

Si tratta della prima esperienza per gli allievi su una nave “grigia” della Marina Militare Italiana e anche della prima esperienza di nave Etna nel ruolo di nave Scuola. Una sfida che l’unità, grazie alle proprie caratteristiche di intrinseca flessibilità e capacità di supporto logistico, è stata in grado di raccogliere con la consapevolezza della grande responsabilità di dover accompagnare gli allievi in questa delicata fase del loro percorso formativo.

La campagna predispone l’allievo al dialogo e all’apertura verso culture e costumi diversi, sviluppando flessibilità e capacità di adattamento; tutto ciò mira anche a promuovere la cooperazione multinazionale ed il dialogo tra paesi a cui da sempre la Marina Militare contribuisce attraverso la Diplomazia Navale. In tale contesto la presenza di nave Etna vuole garantire una qualificata presenza con i Paesi con cui l’Italia e la Marina Militare intrattengono importanti rapporti economici e di collaborazione militare.

La nave nei prossimi 2 mesi toccherà i porti di Tangeri (Marocco), Barcellona (Spagna), Tunisi (Tunisia), Pireo (Grecia), Istanbul (Turchia), Haifa (Israele), Limassol (Cipro) e Portoferraio, per poi far rientro a Livorno il 21 settembre.

Trascinante e di forte effetto il saluto che il Comandante in Capo della Squadra Navale, ammiraglio di sqaudra Donato Marzano, ha indirizzato all’unità e agli allievi durante la cerimonia di avvio della campagna d’istruzione: “L’occasione per gli allievi, che a breve indosseranno il grado di aspirante, di vivere la campagna addestrativa come il momento di trasformazione e di profonda crescita professionale” con queste parole l’Ammiraglio Marzano ha sottolineato l’importanza della formazione e dell’educazione etica e morale dei giovani che scelgono onorevolmente di servire lo Stato nella nostra Forza Armata.

“L’emozione è sicuramente tanta, finalmente potremo confrontarci con quello che sarà il nostro ruolo da Comandanti di unità Navali, nonché partecipare attivamente alla vita di una nave Grigia” afferma l’allievo di 2^ classe Franceso Mori “ Mi sento proiettato verso un’esperienza che per molti aspetti ricalcherà quella vissuta già l’estate scorsa su nave Amerigo Vespucci, ma in un contesto differente in cui la mia preparazione, grazie alla crescita professionale maturata nei primi due anni di studi in accademia, mi porterà a godere maggiormente delle opportunità che la Campagna ci offre”.