Ammiraglio di Divisione Nicola De Felice

Dopo aver frequentato il Collegio Navale "F. Morosini" e l'Accademia Navale, laureandosi in "Scienze Marittime e Navali" ed in "Scienze Politiche", intraprende le prime attività operative durante la prima guerra del Libano.

Dopo il Comando su Nave BASENTO, è destinato a Parigi quale consulente operativo per il programma missilistico italo-francese FSAF, sostenendo la tecnologia italiana destinata alla portaerei CAVOUR, alle fregate italo – francesi FREMM ed a quelle britanniche TYPE 45. Tra il 1996 ed il 1998 comanda la fregata SCIROCCO e la fregata ORSA durante le operazioni in Kosovo.

Tornato allo Stato Maggiore, propone di rinnovare in maniera rivoluzionaria la base navale di Augusta e, fino al 2003, è propugnatore di numerosi programmi di ammodernamento di sistemi di combattimento, di munizionamento di precisione quali il "DAVIDE" ed il "VULCANO", divenendo l'artefice di importanti accordi internazionali. Nel 2004 è il Comandante del Caccia Lanciamissili FRANCESCO MIMBELLI con il quale partecipa ad attività anche con la flotta russa.

Ricopre l'incarico di Capo Ufficio per la programmazione finanziaria della Difesa e, nel 2007, è Addetto Militare presso l'Ambasciata d'Italia a Tunisi, dove sostiene una politica di dissequestro sistematico dei pescherecci di Mazara del Vallo e di azzeramento del flusso migratorio irregolare dalla Tunisia.

Promosso Contrammiraglio, diventa il Direttore del Centro Innovazione della Difesa e Presidente del Comitato Interforze dei Centri di Eccellenza nazionali della NATO, supervisionando le questioni che richiedono l'applicazione delle capacità marittime finalizzate a rendere efficace la politica e la strategia italiana.

Nel semestre europeo a presidenza italiana è stato il responsabile nazionale della Strategia e del discendente Piano d'Azione dell'Unione Europea per la Sicurezza Marittima, grazie alla quale promuove la sottoscrizione di numerosi accordi di collaborazione e di partenariati strategici, anche con la Regione Siciliana, il mondo accademico ed imprenditoriale.

Dal 2015 è il Comandante Marittimo per la Sicilia.