Skip Navigation LinksHome page > Storia e Cultura > La nostra Storia > Almanacco storico navale

Andrea Doria
Nave da battaglia 



Profilo e pianta


Il varo: 30.3.1913


In allestimento a La Spezia


Foto ufficiale


Cantiere:

Arsenale di La Spezia
Impostazione: 1912
Varo: 1913
Completamento: 1916
In ricostruzione: 1937

Dislocamento:

Normale: 22.964 t
Pieno carico: 25.200 t

Dimensioni:

Lunghezza: 176,1 ( f.t.) - 168,9 ( pp.) m
Larghezza: 28 m
Immersione: 9,5 m

Apparato motore:

20 caldaie
3 turbine
4 eliche
Potenza: 32.000 HP

Velocità:

21,5 nodi

Combustibile:

606 Tonn. di carbone
314 Tonn. di nafta

Autonomia:

4.800 miglia a 10 nodi

Protezione:

Verticale: 250 mm.
Orizzontale: 97 mm.
Artiglierie: 280 mm.
Torrione: 280 mm.

Armamento:

13 pezzi da 305/46  mm.
16 pezzi da 152/45 mm.
13 pezzi da 76/45 mm.
6 pezzi da 76/40 mm.
2 pezzi da 40/39 mm.
6 mitragliere
2  tubi lanciasiluri da 450 mm.

Equipaggio:

1000

Apparteneva alla classe Caio Duilio. Costruita su progetto elaborato dal Generale Valsecchi è derivata dalla classe Conte di Cavour. Fu la seconda unità a portare il nome del prestigioso condottiero genovese; super "dreadnought" da 25.200 tonnellate a pieno carico costruita presso l'Arsenale della Marina Militare di La Spezia, varata nel 1913.
Al termine della Grande Guerra la sua attività fu intensa e rappresentativa. In particolare ha operato nel 1920 in missione politico-militare nelle acque albanesi e dalmate in occasione dei fatti di Fiume e di aver partecipato all'occupazione di Corfù a seguito degli attriti italo-greci per gli eccidi di Janina (1923).
Nel 1937, a seguito di un programma di ammodernamento della flotta, venne sottoposta a radicali lavori di trasformazione strutturali e nell'armamento presso i Cantieri Riuniti di Trieste.