Skip Navigation LinksHome page > Storia e Cultura > La nostra Storia > Almanacco storico navale

Giuseppe Garibaldi
Incrociatore corazzato


Profilo

Foto uficiale

Durante defilamento


Cantiere:

Ansaldo - Genova
Impostazione: 1898
Varo: 1899
Completamento: 1901
Perdita: 1915

Dislocamento:

Normale: 7.350 Tonn.
Pieno carico: 8.100 Tonn.

Dimensioni:

Lunghezza: 111,8 (f.t.) - 104,9 ( pp.) mt.
Larghezza: 18,2 mt.
Immersione: 7,3 mt.

Apparato motore:

24 caldaie
2 motrici alternative
2 eliche
Potenza: 14.000 HP

Velocità:

19,7 nodi

Combustibile:

1.200 Tonn. di carbone

Autonomia:

9.300 miglia a 10 nodi

Protezione:

Orizzontale: 38 mm.
Verticale: 150 mm.
Artiglierie: 150 mm.
Torrione: 150 mm.

Armamento:

1 cannone da 254/40 mm.
2 pezzi da 203/45 mm.
14 pezzi da 152/40 mm.
10 pezzi da 76/40 mm.
6 pezzi da 47 mm.
2 mitragliere
4 tubi lanciasiluri da 450 mm.

Equipaggio:

555

Costituiva una classe, di 3 unità, assieme alle gemelle Varese e Francesco Ferruccio.
Progettato Generale Masdea su indirizzo dell'Ispettore del Genio Navale Benedetto Brin, risultò un'eccellente unità sia per progetto sia per costruzione. Esemplari della stessa classe furono acquistate da diverse marine straniere.
Operò efficacemente durante la guerra italo-turca nelle acque della Libia, dell'Egeo e del Levante. Il 24 febbraio 1912, insieme alla gemella Francesco Ferruccio, affondò la cannoniera turca Avnillah al largo di Beirut.
Venne poi affondato il 18 luglio 1915, poco dopo dell'entrata dell'Italia in guerra, dal sommergibile austriaco U.4, mentre era impegnato nel bombardamento della ferrovia Ragusa-Cattaro.