Skip Navigation LinksHome page > Storia e Cultura > La nostra Storia > Almanacco storico navale

San Martino
Pirofregata corazzata


Profilo e pianta


Cantiere:

Forges et Chantiers de la Mediterranée, la Seyne (Francia)
Impostazione: 22-7-1862
Varo: 12-9-1863
Completamento: 1864 
 Radiazione: 30-8-1903

Dislocamento:

Normale: 4.268 t
Pieno carico: 4.600 t

Dimensioni:

Lunghezza: 81,8 (f.t.) - 76 (p.p.) m
Larghezza: 14,6 m
Immersione: 6,3 m

Apparato motore:

6 caldaie
1 motrice alternativa
1 elica
Potenza: 2.500 HP

Velocità:

13 nodi

Combustibile:

485 t di carbone

Velatura:

due alberi a vele quadre ed uno a vele auriche

Autonomia:

2.600 miglia a 10 nodi

Protezione:

Verticale: 120 mm.
Ridotto: 110 mm.

Armamento:

23 pezzi da 160 mm.
4 pezzi da 72 libbre

Equipaggio:

484

Apparteneva alla classe Regina Maria Pia.
Costruita in Francia era una unità a corazza completa e a ridotto centrale con sperone di 3 metri a prora e poppa con curva rientrante. La corazza si estendeva per tutta la lunghezza della nave e 1,5 mt. sotto la linea di galleggiamento e 2 metri sopra. Per tutta la lunghezza del ridotto la corazza arrivava sino al ponte di coperta.
Rimase in servizio per oltre 40 anni e partecipò alla battaglia di Lissa quindi in acque metropolitane e coloniali; fu anche impiegata per esperimenti di radiotelegrafia compiuti da Guglielmo Marconi a La Spezia nel 1897.