Skip Navigation LinksHome page > Storia e Cultura > La nostra Storia > Palazzo Marina

Palazzo Marina

Palazzo Marina Roma.jpg 

"..L'Amministrazione da me presieduta deve provvedere alla costruzione di un fabbricato per la sede dei suoi uffici centrali. Tale fabbricato, oltre che rispondere alle esigenze dei vari servizi di questa Amministrazione, dovrà anche soddisfare quelle dell'estetica in relazione alla specie degli uffici che vi si devono sistemare, e in armonia agli importanti edifici pubblici della capitale..".

Così scriveva il 18 dicembre 1911 l'allora Ministro della Marina al Consigliere per l'edilizia del Presidente del Consiglio di quell'epoca, Antonio Giolitti, ed è così che la nuova sede ministeriale della Marina Militare trova la sua locazione fuori della seicentesca Porta del Popolo, sull'attuale Lungotevere delle Navi.Interni Palazzo Marina Militare Roma.jpg

L'Opera è tra le più significative dell'architetto Giulio Magni (Velletri 1859 - Roma 1930), nipote del Valadier, collaboratore di Giuseppe Sacconi alla realizzazione del Vittoriano. Il progetto, iniziato nel 1912 e inaugurato il 26 ottobre 1928, attinge al repertorio Liberty romano, con decisa impronta di "michelangiolismo eclettico" con assonanze proprie del "barocchetto. Il Palazzo si estende per un area complessiva di 31 mila mq di cui 11.500 coperti e 4.580 a cortili e giardini. Alto 28 e lungo 142 metri, 6 piani e sotto tetto per l'allocazione di circa 750 ambienti ufficio. Diceva Michele Vocino nel giorno dell'Inaugurazione: "La Marina, bisogna pur dirlo a suo vanto, dovunque pone piede, a bordo o a terra, sa subito lasciare, come può, una certa impronta di signorilità e di eleganza…".

A conferma di quanto asserito negli anni 30 si trova riscontro nel propileo d'ingresso arricchito dalle ancore di due corazzate austriache la "Viribus Unitis" affondata durante la Prima Guerra Mondiale e la "Tegetthoff" preda bellica consegnata all’Italia nel 1919 e smantellata, nel 1925, a La Spezia. Il prospetto posteriore (Via Flaminia) oltre al giardino all'italiana si arricchisce di un'artistica cancellata, opera della Società Ciangottini. La precedente sede era posta nel settecentesco convento di Sant'Agostino, in Via della Scrofa, espropriato nel 1871.

 

 
Guarda il documentario su Palazzo Marina