Skip Navigation LinksHome page > Storia e Cultura > Ufficio Storico > I musei della Marina > Museo Tecnico Navale (SP) > Sala Artiglieria
Sala Artiglieria

Nella sala artiglieria si accede dalla sala siluri. Entrando incontriamo nella prima sala :

  • due spingarde moresche (n. 162) in bronzo del XVI secolo;
  • un cannoncino inglese in ferro (n. 71), ad avancarica; (ai lati l'affusto in rilievo si notano due teste di leone e lo stemma inglese.
    Fu offerto dal duca di Buckingham agli abitanti de la Rochelle nella la guerra contro i francesi nel 1631;
  • una bombardella in ferro (n. 159), del XVIII secolo;
  • una bombardella della Marina genovese (n. 165), in bronzo con culatta a cucchiaia, (unico esemplare proveniente dalla Repubblica di Genova;
  • due cannoni in ferro (nn. 179 - 180) ad avancarica. (Nella parte superiore in rilievo è riportato il monogramma G.R. sormontato da corona inglese. La sigla è quella di Giorgio III allora regnante. Furono sbarcati e piazzati sulla Castellana dagli inglesi nel 1815, quando occuparono il golfo di La Spezia.)
  • due mortai Carron (nn. 181/1 - 181/2) da 325 mm. dell'anno 1825 erano a difesa del cantiere di Castellammare di Stabia; (forniti al re della Due Sicilie dalla celebre fonderia Carron (Scozia)).
  • due cannoni Carron (anno1859) (nn. 155/1 - 155/2) in ferro, su affusto in ferro fuso con 4 ruote;
  • un cannone da 76/50 (n. 13466) con affusto tappo volata e cofano, anno 1942, proviente dalle fregate tipo Altair (1943 - 1971);
  • una mitragliatrice russa (n. 169) da 7,8 mm. su carrello da trincea 
  • la mitragliatrice (n. 161) a revolver a 10 canne, tolta ai Boxer nel 1900 dal corpo italiano di spedizione in Cina;
  • il relitto del cannone Maxim-Nordenfelt da 57/43 mm. (n. 13144); (proviene dalla Torpediniera "5 PN", affondata nell'Alto Adriatico il 26.6.1915. Recuperato nel maggio del 1993 è molto deteriorato e ricoperto da incrostazioni dovute alla lunga permanenza in mare.)

Nel punto di incontro tra la prima e la seconda sala, sono esposti in tutta la loro imponenza i seguenti cannoni scudati:

  • cannone da 65/64 (n. 5877) anno 1940 costruito dalla Ansaldo, con affusto a piedistallo;
  • Cannone OTO da 100/47 Mod. 1937,anno 1944 (n. 6105) installato sulle corvette tipo Ibis (1940 - 1965);
  • Impianto binato da 100/47 Mod.1928 (n. 6194) proveniente dall'incrociatore Raimondo Montecuccoli (1934 - 1964);
  • Cannone da 120/40 (n. 5882),Mod. 91, anno 1893 costruito dallo stabilimento Armstrong di Pozzuoli;
  • Cannone canadese da 4" della S.M. Hamilton (n. 5879) anno 1944.

Nella seconda sala sono esposti:

  • il cannone OTO da 100/47 (n. 5965) Mod. 1938, anno 1943, per sommergibili;
  • il cannone Ansaldo da 102/35 (n. 5887) anno 1917, installato sui Cacciasommergibili tipo Albatros (1935);
  • l'apparato di punteria ottica per ADT Argo(n. 13619) proveniente dall'Incrociatore lanciamissili Caio Duilio (1962 - 1991);
  • il sistema per punteria della ditta Contraves (n. 6191) installato sui Cacciatorpedinieri tipo Indomito (1955 - 1982), sui Cacciatorpedinieri tipo Intrepido (1962 - 1991) prime unità missilistiche progettate e costruite in Italia e sull'Incrociatore lanciamissili Giuseppe Garibaldi (1936 / trasformato 1961 - 1971)
  • il cannone da 120/45 (n. 215) Mod. 1918, anno 1919 costruzione Armstrong Pozzuoli, su affusto a culla a piattaforma; (esploso al Balipedio Cottrau (La Spezia) il 24 agosto 1927 durante un collaudo.)
  • un apparecchio di punteria (n. 6186) dell'incrociatore Montecuccoli (1934 - 1964);
  • un telemetro stereoscopico tipo San Giorgio ( n. 6700), da 4 metri;
  • un telemetro stereoscopico tipo Galileo (n. 8747), da 5 metri appartenuto alla nave Montecuccoli

Nella terza sala sono esposti:

  • un Cannone Skodawerke da 100/47 (n. 5888), Mod. 1890, anno 1912, installato sui Cacciatorpedinieri ex Austroungarici;
  • una mitragliera carrellata Scotti Isotta Fraschini (n. 12967), calibro 20, Mod. 38, costruita a Milano nel 1942;
  • un modello (nn. 1617 - 1618) di missile balistico sperimentale studiato e costruito dal Gruppo Ricerche Speciali della Marina;
  • una mitragliera Breda da 20/66 (n. 5951-5952-5955), anno 1942, installata sulla classe Navigatori e sull' Avviso Diana (1940 - 1942);
  • una mitragliera binata da 37/54 , installata sulle corazzate tipo Vittorio Veneto (1937 - 1948).