Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

Bergamini Carlo
Fregate multiruolo Bergamini
con forza e fedeltà
La NaveLa storiaScheda TecnicaGalleria

Nave Carlo Bergamini è la prima Unità del programma italo-francese FREMM (Fregata Europea Multi Missione). Impostata il 7 gennaio 2008, è stata varata il 16 luglio 2011 presso il Cantiere Navale di Riva Trigoso (GE). L’allestimento dell’Unità è stato successivamente completato presso il Cantiere Navale del Muggiano (SP).

Contraddistinta dal distintivo ottico F 590, secondo la classificazione NATO, l’Unità è stata consegnata alla Marina Militare nel luglio 2012. Nave Carlo Bergamini è una fregata di nuova generazione di tipo General Purpose (GP), caratterizzata dalla possibilità di impiego in vari contesti operativi, mentre la seconda e terza FREMM sono equipaggiate in configurazione Anti Submarine Warfare (ASW). Le sue capacità di scoperta e l’armamento la rendono idonea per svolgere tutte le missioni tipiche delle Unità di linea di questa classe:

  • Constabulary Role (polizia dell’alto mare), con l’assolvimento di operazioni antiterrorismo, di sorveglianza ed interdizione dei traffici illeciti, di prevenzione e controllo dell’immigrazione illegale, della protezione delle linee di comunicazione in mare e del traffico mercantile;
  • Support Land Operations, con la scorta a convogli o forze navali in transito, la protezione di forze navali e siti terrestri e la difesa antiaerea degli stessi;
  • contrasto alla minaccia di superficie;
  • sorveglianza ed assolvimento dei compiti informativi;
  • Power Projection Support, con il coordinamento e controllo di azioni contro costa, immissione di forze speciali e supporto mediante impiego di armi contro obiettivi terrestri (Naval Gun Fire Support); Nave Carlo Bergamini è stata progettata all’insegna dell’innovazione e della flessibilità, potendo essere impiegata per missioni di assistenza umanitaria e soccorso in caso di calamità naturali (funzione dual use), grazie alle sue capacità:

• possibilità di condurre interventi in telemedicina,

• evacuazione personale mediante elicotteri;

• fornitura di acqua potabile;

• confezionamento di pasti caldi;

• predisposizione per erogazione di corrente elettrica

L’Unità è dislocata, dalla consegna operativa finale alla Marina Militare, avvenuta il 29 Maggio 2013, nella sede della Spezia.

Da circa un anno e mezzo l’Unità è periodicamente impegnata in Mediterraneo Centrale come flagship dell’Operazione Mare Sicuro. L’Operazione è incentrata sulla protezione degli interessi nazionali nel Mediterraneo Centrale, mediante il controllo del traffico mercantile, la protezione delle piattaforme di interesse nazionale e dei motopesca nazionali e, infine, la sorveglianza delle linee di comunicazione marittime del Mediterraneo centrale, con particolare attenzione al traffico marittimo diretto verso le coste nazionali.

Di seguito le principali attività condotte:

  • da settembre 2012 ad agosto 2013 sono state svolte attività di addestramento e collaudo dei sistemi d’arma imbarcati in collaborazione con altri Enti della Marina Militare e Industria Privata;
  • il 16 ottobre 2013 si è svolta nel porto commerciale di Ancona la cerimonia di consegna della Bandiera di Combattimento;
  • da novembre 2013 ad aprile 2014 l’Unità è stata impegnata con il 30° Gruppo Navale, nella Campagna Navale “il Sistema Paese in movimento” che si è svolta nel Golfo Arabico, in Oceano Indiano e attorno all'Africa, per rilanciare il ruolo dell'Italia in quelle aree considerate strategiche;
  • a giungo 2015 l’Unità ha partecipato all’Operazione Mare Nostrum, per contribuire alla salvaguardia della vita umana in mare e alla monitorizzazione del flusso di migranti provenienti dal Nord Africa;
  • nel 2015 l’Unità ha svolto un incarico cruciale nel Mediterraneo Centrale, prima con l’esercitazione “Prontezza Operativa”, proseguendo con la partecipazione al “Dispositivo di Sorveglianza e Sicurezza Marittima”, arrivando infine all’attuale Operazione Mare Sicuro, iniziata il 15 Aprile 2015;
  • dopo un periodo di sosta manutentiva periodica, terminata ad aprile 2016, l’Unità è attualmente impegnata in Operazione Mare Sicuro.