Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

Cassiopea
Pattugliatori OPV (PG) Cassiopea o Costellazioni
Adsum
La NaveLa storiaScheda TecnicaGalleria

Nave Cassiopea è un Pattugliatore d’altura appartenente alle forze da pattugliamento per la difesa Costiera (COMFORPAT), prima della classe "Costellazioni", è stata consegnata alla Marina Militare Italiana nell'ottobre 1989 ed il suo porto di assegnazione è Augusta.

È stata impiegata durante la prima Guerra del Golfo (1991) per la sorveglianza delle piattaforme petrolifere a sud della Sicilia, ha effettuato operazioni antinquinamento nelle acque antistanti Genova (disastro HAVEN – Aprile 1991) e Livorno (disastro MOBY PRINCE – Aprile 1991), ha preso parte a numerose missioni di controllo dei flussi migratori sia in Adriatico (esodo albanese di fine anni ‘90) e sia nel canale di Sicilia (esodo popolazioni africane degli ultimi anni).

Nave Cassiopea ha effettuato, inoltre, supporto logistico ai cacciamine impegnati nel controllo degli accessi ai porti della ex-Jugoslavia durante l’operazione “Decisive Enhancement” (1996). Nell’estate del 2008 il Cassiopea ha effettuato operazioni di pattugliamento per il controllo del traffico mercantile davanti alle coste libanesi nell’ambito dell’operazione “UNIFIL”.

Nel corso degli anni l’Unità ha svolto, inoltre, numerose attività addestrative quali la Scuola Comando Navale e le diverse esercitazioni antinquinamento in collaborazione con il ministero dell’ambiente. Durante l’estate 2013 ha partecipato alla Campagna d’istruzione degli allievi della 2^ classe dell’Accademia Navale di Livorno.

Terminata l’attività addestrativa, nel mese di settembre 2013, Nave Cassiopea ha fornito supporto alle operazioni di “parbuckling” della Costa Concordia all’isola del Giglio e, successivamente, per il recupero salme delle vittime del sinistro marittimo dell’isola dei Conigli (Lampedusa) in collaborazione con i Palombari del G.O.S..

Nell’ottobre 2013 Nave Cassiopea ha preso parte dell’Operazione “MARE NOSTRUM” all’interno del dispositivo atto a fronteggiare l’emergenza umanitaria nello stretto di Sicilia.

Il motto dell’Unità è “ADSUM”, parola latina che vuol dire “essere presenti, mostrarsi con coraggio” ed incarna a pieno ciò che è chiamata a fare Nave Cassiopea, missioni di pattugliamento, presenza e sorveglianza.