Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

Mimbelli
Caccia Durand de La Penne
Audendum est
La NaveLa storiaScheda TecnicaGalleria
 

Cacciatorpediniere (DDGHM) D561 – Classe Ammiragli è la seconda Unità della classe Ammiragli.

Il cacciatorpediniere lanciamissili Francesco Mimbelli fu impostato nei Cantieri Navali Fincantieri di Riva Trigoso il 15 novembre 1989, varato il 13 aprile 1991 e successivamente trasferito a La Spezia ove, il 19 ottobre 1993, è stato consegnato amministrativamente alla Marina Militare. La cerimonia di consegna ufficiale è avvenuta a Genova l’11 dicembre 1993.

Concepito per soddisfare il potenziamento e l'ammodernamento della Marina Militare, questo cacciatorpediniere lanciamissili ha capacità multiruolo in quanto il suo armamento, consistente e differenziato nei confronti della minaccia aerea, di superficie e subacquea, lo rende idoneo ad assolvere molteplici compiti fondamentali: in primis la difesa aerea di zona, concorrendo non solo alla protezione di formazioni navali e di convogli, ma anche alla difesa aerea nazionale e NATO.

E', inoltre, idoneo al contrasto di unità subacquee e di superficie, al supporto di operazioni anfibie e all’impiego nel bombardamento costiero. Le spiccate potenzialità di supporto al comando, lo rendono, altresì, adatto quale piattaforma sede di comando complesso. L’Unità, durante l’ultima sosta lavori (2006-2009), ha subito un notevole processo di ammodernamento che ha portato alla sostituzione di più componenti del Sistema di Combattimento e all’installazione di sistemi e apparati allo stato dell’arte.

Con l’attuale configurazione, tutti i sistemi presenti sono stati migliorati, comportando un significativo incremento delle prestazioni in termini di capacità di elaborazione e di ealcolo, pur mantenendo, come richiesto dalla Forza Armata, logiche e possibilità d’impiego della vecchia configurazione. Nave Mimbelli è alle dipendenze del Comando del Secondo Gruppo Navale, il suo abituale porto di assegnazione è Taranto presso la nuova Stazione Navale Mar Grande.

Nave Mimbelli ha partecipato a innumerevoli attività addestrative sia in ambito Nazionale che Internazionale. La capacità multi ruolo di Nave Mimbelli permettono di operare in molteplici scenari, dal controllo e scorta delle Unità Mercantili, al supporto e protezione degli interessi Nazionali. Di seguito le principali attività operative a cui ha preso parte:

dal 31 Gennaio 2003 al 01 Giugno 2003, l’Unità ha partecipato in qualità di “Flag Ship” della Task Force 150 all’operazione RESOLUTE BEHAVIOUR - ENDURING FREEDOM per il controllo del traffico aereonavale ed attività di scorta ad Unità mercantili e militari in transito da e per lo stretto di Bab El Mandeb.

dal 4 al 10 Aprile 2005 l’Unità ha partecipato all’operazione Grande Evento Jupiter 2005 in occasione dei funerali di Sua Santità Giovanni Paolo II.

dal 2006 al 2009, sosta lavori per ammodernamento del sistema di combattimento.

dal 22 Febbraio al 1 Marzo 2011 l’Unità, nell’ambito della crisi libica, ha preso parte all’operazione di presenza e sorveglianza, esfiltrando il 28 Febbraio, 300 civili dal porto di Marsa El Brega in Libia.

dal 7 Febbraio al 19 Agosto 2014 è stata inserita nella Task Force 508 della Standing NATO Maritime Group impegnata nell’operazione Ocean Shield per il contrasto alla pirateria nel Golfo di Aden e nell’Oceano Indiano.

dal 29 Luglio al 30 Settembre 2015, e dal 27 Dicembre 2015 al 18 Febbraio 2016 è stata inserita nel dispositivo Mare Sicuro, alle dipendenze del Comando del Terzo Gruppo Navale, per la protezione degli interessi nazionali in Mediterraneo Centrale e Mar Libico, contribuendo a salvare la vita di circa 3700 migranti.