Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

Grecale
Fregate Maestrale
Venti Impetu
La NaveLa storiaScheda TecnicaGalleria

Nave Grecale è la seconda delle otto fregate antisommergibile, lanciamissili, della classe Maestrale. E' stata varata presso il cantiere del Muggiano il 12 settembre del 1981 e consegnata alla Marina Militare il 5 febbraio del 1983 a La Spezia.

Nave Grecale è stata progettata e costruita per svolgere un gran numero di missioni. Il suo ruolo principale è la difesa di forze navali e convogli da attacchi di sommergibili, quindi sia la piattaforma che i sistemi d'arma sono ottimizzati per la guerra antisommergibile. In più l'Unità può operare efficacemente in altre operazioni come il controllo e l'interdizione di vaste aree e linee di traffico mercantili, attacchi ad Unità di superficie e supporto ad operazioni anfibie.

Il Grecale dispone di un sistema di combattimento integrato, frutto di accurati studi della Marina Militare e dello sviluppo tecnologico delle principali industrie nazionali. Equipaggiata con impianti di artiglieria a medio e corto raggio OTO MELARA, è in grado di impiegare il sistema missilistico anti nave OTOMAT ed antiaereo ASPIDE, un impianto lanciasiluri e di imbarcare sino a due elicotteri organici Augusta BELL SH212 o un elicottero SH101.

L'Unità ha una lunghezza di 123 metri, una larghezza di 13 metri, un dislocamento a pieno carico di oltre 3.000 tonnellate ed un pescaggio di 6,3 metri. Dotata di un apparato motore a propulsione mista (motori Diesel e Turbine a GAS), l'Unità può sviluppare una velocità superiore ai 30 nodi, con un' autonomia di oltre 7.000 miglia.

Dal 2009 al termine del 2010 l'Unità è stata sottoposta ad un'opera di manutenzione ed ammodernamento del sistema di combattimento, svolta dall'Arsenale Militare di La Spezia e dall'industria nazionale, con l'obiettivo di incrementare il livello tecnologico delle strumentazioni di bordo e di potenziare le capacità di Comando e Controllo dell'Unità.

L'Unità ha partecipato alle principali missioni nazionali ed internazionali nelle quali l'Italia  è intervenuta. Le principali missioni svolte sono: la protezione ed il controllo delle linee di traffico commerciali, il contrasto alla minaccia terroristica ed al fenomeno della pirateria in mare, , la protezione degli interessi nazionali sia in ambito nazionale che internazionale.

Alcune delle principali attività operative a cui ha partecipato nave Grecale:

Stanavformed 2004 (Forza navale permanente del Mediterraneo composta da unità delle marine NATO);

"Operazione Enduring Freedom" 2005 (Campagna contro il terrorismo internazionale);

Standing Nato Maritime Group 2 2007 (Secondo Gruppo Navale Permanente della NATO. Gruppo navale multinazionale integrato che fa parte della Forza di Reazione Rapida dell'Alleanza);

Standing Nato Maritime Group 2 e Operazione Ocean Shield 2012 (L'Operazione Ocean Shield costituisce il contributo della NATO agli sforzi internazionali di contrasto al fenomeno della pirateria marittima al largo e lungo le coste della Somalia e del Corno d'Africa);

Standing Nato Maritime Group 2 e Operazione Active Endeavour 2013 (L'Operazione Active Endeavour ha lo scopo di mantenere nel Mediterraneo una presenza aeronavale in chiave antiterroristica);

Operazione Mare Nostrum 2013 (Operazione militare e umanitaria nel Mar Mediterraneo meridionale, attivata allo scopo di potenziare il dispositivo di controllo dei flussi migratori);

EUNAVFOR – Operazione Atalanta 2015 (Attività istituita dall'Unione Europea allo scopo di contrastare il fenomeno della pirateria nell'area Golfo di Aden e bacino somalo);

Operazione Mare Sicuro 2015/2016 (Scopo dell'Operazione è la tutela degli interessi nazionali, svolgendo compiti di presenza, sorveglianza e sicurezza marittima nel Mediterraneo Centrale, protezione delle piattaforme petrolifere e dei pescherecci nazionali impegnati in attività di pesca d'altura da eventuali attacchi terroristici, controllo del traffico mercantile).

Le esercitazioni più recenti a cui ha partecipato nave Grecale:

Brilliant Mariner/Mare Aperto 2013 (Esercitazione NATO a guida italiana, svolta al largo delle coste della Sardegna);

Rising Star 2013 (Esercitazione italo-israeliana svolta allo scopo di confrontare ed addestrare soprattutto su soccorso e  salvaguardia della vita in mare, controllo del traffico mercantile e reazione ad attacchi asimmetrici);

Dynamic Manta 2015 (Una della più importanti attività addestrative avanzate di lotta anti-sommergibile organizzate dalla NATO);

Trident Juncture 2015 (Evento addestrativo multinazionale della NATO, che ha l'obiettivo di verificare ed addestrare la Forza di Risposta Rapida della NATO, NRF – NATO Response Force).