Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

Magnaghi
Nave Idrografica Ammiraglio MAGNAGHI (AGS) Magnaghi
Nauta pro nautis
La NaveLa storiaScheda TecnicaGalleria

La Nave idro-oceanografica Ammiraglio Magnaghi “naviga per i naviganti”, come recita il suo motto “Nauta Pro Nautis”, dal 1975, anno della sua consegna alla Marina Militare L’attività idrografica svolta dall’Unità si concretizza nella realizzazione di rilievi portuali, costieri e d’altura (fino ad una profondità di 3000 m) attraverso operazioni di scandagliamento, ricerca di minimi fondali e relitti, determinazione della topografia della linea di costa e delle opere portuali, studio della natura del fondo marino e più in generale, raccolta di tutte le informazioni finalizzate all’aggiornamento della documentazione nautica.

In ambito oceanografico Nave Ammiraglio Magnaghi è in grado di effettuare rilievi idrologici per la misura dei parametri chimico/fisici della colonna d’acqua, rilievi di tipo sedimentologico per prelievo di campioni del fondo marino, rilievi di tipo mareometrico per la misura delle variazioni di livello del mare.

La strumentazione, in continuo aggiornamento e mantenuta allo stato dell’arte, in aggiunta ai locali operativi e le capacità logistiche proprie dell’unità, rendono Nave Ammiraglio Magnaghi una piattaforma scientifica ideale per condurre campagne anche in sinergia con Enti di ricerca esterni alla Marina Militare.

Di seguito si riportano le principali attività istituzionali svolte negli ultimi anni da Nave Magnaghi.

Con decorrenza 1 dicembre 2014, Nave Magnaghi dipende organicamente ed operativamente, per il tramite della Squadriglia Unità Idrografiche ed Esperienze (COMSQUAIDRO LA SPEZIA) ed il Comando delle Forze di Contromisure Mine (MARICODRAG LA SPEZIA), dal Comando in Capo della Squadra Navale (CINCNAV).

Nel 2012:

  • Ricerca fusti dispersi dalla M/N EUROCARGO Venezia (Isola di Gorgona);
  • Ricerca relitti presso Santa Maria di Leuca e acque antistanti porto di Bari.
  • Nel 2011 la Campagna VAVILOV11 con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) – Mar Tirreno centrale.

Nel 2013:

  • RICAMAR-13 – Attività di rilievi per la caratterizzazione del Golfo di Pozzuoli con l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV);
  • PANAREA-13 – Rilievi per la caratterizzazione dell’area degli scogli di Panarea con l’Istituto di Scienze Marine del Centro Nazionale di Ricerca (CNR-ISMAR);
  • Rilievi ambientali presso la Rada di Augusta e le Isole Eolie presso l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA).

Dal 2014 al 2016 l’Unità è stata oggetto di una importante Sosta Lavori A.P.P. (Ammodernamento Progressivo Programmatico), durante la quale sono state effettuate manutenzioni al sistema di piattaforma e allo scafo, nonché ammodernata la strumentazione idro-oceanografica in dotazione.