Skip Navigation LinksHome page > Mezzi > Navi

landing-page_MAESTRALE.jpg 

L'ultimo Ammaina Bandiera di nave Maestrale 


 

Le collaborazioni in questa Campagna Navale

 

    
​ ​ ​ ​


 

Nave Maestrale è stata la prima unità dell’omonima classe di otto navi gemelle, la cosiddetta Classe Venti composta dalle navi Maestrale, Grecale, Libeccio, Scirocco, Aliseo, Euro, Espero e Zeffiro.

Si tratta di navi che hanno rappresentato la vera spina dorsale della Squadra Navale, partecipando con successo a numerose operazioni a tutela degli interessi nazionali nei mari del mondo. Più di trenta anni fa la costruzione e l’entrata in servizio di queste Unità rappresentò il rilancio operativo della nostra flotta e testimoniò al mondo l’eccellenza della cantieristica italiana.
La situazione finanziaria della Marina e la vetustà della flotta impongono una sensibile riduzione del numero delle unità della nostra Squadra Navale. Di conseguenza, seppure a malincuore, la Marina é costretta a privarsi di nave Maestrale che sarà dismessa alimentando inesorabilmente il processo di forzato ridimensionamento del numero di navi della Marina.

Nave Maestrale al termine di un impegno in Mar Adriatico, sulla via del ritorno alla base navale di La Spezia, toccherà per l’ultima volta alcune città per salutare la popolazione locale, permettendo così di poterla visitare, effettuare uscite in mare, prendere parte a mostre itineranti e partecipare ad eventi culturali e di beneficenza che saranno organizzati a bordo.

int_1.jpg

Cenni storicistorica.jpg


Nave Maestrale, prima unità dell’omonima classe composta da otto fregate, deve il suo nome all’antico vento proveniente da nord-ovest che soffia periodicamente sul Mar Mediterraneo.
L’unità è stata progettata e costruita alla fine degli anni ’70 dai “Cantieri Navali Riuniti” di Riva Trigoso (GE) ed è stata varata il 2 febbraio 1981, unendosi successivamente alla 1a Divisione Navale di stanza a La Spezia.

Il Maestrale è la seconda unità nella storia della Marina Militare a portare questo nome che fu in passato del cacciatorpediniere Maestrale. Quest’ultimo, infatti, prestò servizio durante la Seconda Guerra Mondiale nella 4a Squadriglia Incrociatori e, successivamente, nella 10a Squadriglia Cacciatorpediniere della Regia Marina. Varato il 15 aprile 1934, il cacciatorpediniere Maestrale prese parte a 157 missioni e navigò nel corso della sua “vita operativa” per oltre 50.000 miglia.silhoutte_piccola.jpg

Durante la sua vita operativa nave Maestrale è stata impiegata in numerose esercitazioni e missioni sia in ambito nazionale che NATO e tra le quali si ricordano:

 

Golfo Persico (1991): in supporto alle operazioni per la liberazione del Kuwait e lo sminamento del Golfo Persico.

int_4.jpgSharp Vigilance (1992), Sharp Fence (1993), Sharp Guard (1994): in supporto alle operazioni NATO durante la crisi dell’ex Jugoslavia nelle acque del Mar Adriatico.

BOST – Basic Operation Ship Training (1997): periodo di addestramento svolto in Inghilterra.
Enduring Freedom (2002): in supporto alle operazioni di contrasto al terrorismo internazionale e di controllo dei traffici mercantili nel Golfo Persico.

int_6.jpgActive Endeavour – STROG Patrol (2003): in supporto alle operazioni di contrasto al terrorismo internazionale e di controllo dei traffici mercantili nel Mar Mediterraneo.

STANAVFORMED – Standing Naval Force Mediterranean (2003): il Maestrale ha partecipato come assetto della forza navale permanente della NATO in operazioni di presenza e sorveglianza del Mediterraneo.

int_8.jpg
Enduring Freedom
– Resolute Behaviour (2005): in supporto alla lotta al terrorismo internazionale e al contrasto dei traffici illeciti nel Golfo di Aden e nel Golfo Persico.
Standing NATO Response Maritime Group (2007): all’interno del gruppo navale di reazione della NATO in attività di presenza e sorveglianza nel Mediterraneo.


 


int_9.jpgOperazione Atalanta (2009): da aprile a settembre 2009 il Maestrale è stato impegnato in Oceano Indiano sotto la bandiera dell’Unione Europea per il contrasto alla pirateria al largo delle coste della Somalia. Durante la stessa missione sono state scortate numerose navi del World Food Programme delle Nazioni Unite e della missione dell’Unione Africana impegnata a fornire aiuti umanitari alla popolazione somala. A seguito di questa operazione il Maestrale è stato insignito di un attestato di benemerenza rilasciato dall’Organizzazione Marittima Internazionale (IMO).

SNMG2/Active Endeavour (2012): da settembre a novembre 2012 nave Maestrale ha preso parte allo Standing NATO Maritime Group 2.

Operaint_10.jpgzione Mare Nostrum (2013-2014): attività a salvaguardia della vita umana in mare e contrasto al traffico illegale di esseri umani nello Stretto di Sicilia.