Marina Militare

Con l'ormeggio di nave Etna a Taranto si conclude la Campagna d'Istruzione degli allievi del secondo corso della Scuola Navale Militare “F. Morosini"

14 luglio 2020 Staff corso Cerberus

​Con l'ormeggio di nave Etna nella Stazione Navale Mar Grande di Taranto si conclude la Campagna d'Istruzione degli allievi del secondo corso della Scuola Navale Militare “Francesco Morosini".

L'approdo nel sorgitore pugliese rappresenta la fine dell'anno da “anziani" e, simbolicamente, segna la conquista del superlativo titolo di “anzianissimi".

I 15 giorni passati a bordo dell'Etna, completamente immersi nella realtà lavorativa di un'unità operativa, oltre ad aver dato modo agli allievi di perfezionare le conoscenze marinaresche, hanno contribuito a fornire loro una visione più realistica dell'ambiente e delle figure professionali che animano le navi della Marina: un vero e proprio orientamento, vissuto da protagonisti.

Durante la permanenza a bordo, oltre ad affiancarsi all'equipaggio nei routinari servizi di guardia, gli allievi hanno potuto assistere ad attività quali esercitazione di abbordaggio per controllo su unità mercantili, condotto dai militari della Brigata Marina San Marco, appontaggi e decolli di elicottero e affiancamenti ravvicinati tra unità navali, durante il rifornimento in mare a favore di nave Luigi Durand De La Penne impegnata in operazione reale in Mar Libico, movimentazione di carbo-lubrificanti e materiali da una base all'altra della Marina. Tutte queste esperienze sono state vissute con grandissimo entusiasmo e interesse, suscitando la curiosità di questi “piccoli marinai", con lo sguardo proiettato verso le scelte che a breve dovranno affrontare.

Quest'anno per la prima volta, la Campagna d'Istruzione ha compreso alcune visite presso enti e comandi specialistici che operano nell'area di Taranto; gli allievi del corso Cerberus, dunque, hanno avuto modo di salire a bordo di nave Cavour, ammiraglia della Squadra Navale, di conoscere le realtà del Centro di Addestramento Aeronavale (MARICENTADD), del Comando della Flottiglia Sommergibili (COMFLOTSOM) e della Stazione Aeromobili di Grottaglie (MARISTAER).

Pensando al proprio futuro Francesco afferma: “Mi piacerebbe entrare a far parte del Corpo di Stato Maggiore. Per via della mia passione per il mare, la Marina Militare mi ha sempre affascinato e la Campagna d'Istruzione ha rafforzato questo già grande interesse"; e Pietro, che aspira a fare il medico nelle Forze Armate, pensa: “Il percorso in Marina è un'ottima opportunità che unisce il desiderio di aiutare il prossimo, con la passione per i viaggi; ho avuto modo, grazie a questa esperienza, di confrontarmi con il Dottore di bordo e di consolidare la volontà di conseguire i miei obiettivi".

Si conclude così il secondo anno della Scuola Navale Militare: un meritato periodo di riposo estivo attende ora gli allievi. Servirà di certo a ricaricare le batterie in vista della frequenza del terzo, durante il quale la determinazione e la maturità saranno protagoniste per affrontare con responsabilità le future scelte.​