Marina Militare

La nave spagnola Numancia ha avvicendato nave Fasan nel ruolo di flagship

5 agosto 2022 Nucleo P.I. di nave Fasan

Si è tenuta a bordo di nave Virginio FASAN (F591) in porto a DJIBOUTI, la cerimonia di passaggio di consegne al termine della 40^ rotazione di EUNAVFOR SOMALIA Operazione ATALANTA, durante la quale il Contrammiraglio Riccardo MARCHIÒ ha ceduto l’incarico di Force Commander della Task Force 465 al Commodoro portoghese Rui Miguel Marcelo CORREIA. Contestualmente la Nave spagnola NUMANCIA ha avvicendato Nave FASAN nel ruolo di flagship con lo staff del Force Headquarters (FHQ) imbarcato.

La cerimonia, alla presenza del Deputy Commander (DCOM) dell’Operation Headquarter di ROTA Contrammiraglio Paolo SPAGNOLETTA, segna il termine della 40^ rotazione a guida italiana iniziata lo scorso 17 marzo e che ha visto, in poco più di quattro mesi di Operazione, il sequestro di più di 12.5 tonnellate di sostanze stupefacenti, oltre che all’effettuazione di nr.11 "Flag Verification Visit", nr.27 "Friendly From the Boat Approach" (FFBA) e nr.21 "Friendly Approach" (FA). Per quest’ultime due tipologie di attività le Unità del dispositivo EUNAVFOR hanno consegnato aiuti umanitari, tra cui di generi alimentari, kit di primo soccorso e materiali di sopravvivenza, agli equipaggi dei pescherecci locali (cosiddetti DHOW) presenti nell’area di operazione. In aggiunta, sono state condotte numerose Sea Joint Activities (SJA) con le Unità dei CTF del Combined Maritime Force (CMF) presenti nel Golfo di Aden e nel Golfo di Oman al fine di incrementare l’interoperabilità e la sinergia nella cooperazione securitaria.

L’Operazione ATALANTA, lanciata dall’Unione Europea nel novembre del 2008 per contrastare e prevenire gli atti di pirateria nell’area del Corno d’Africa che continuano a rappresentare una minaccia latente per la libertà di navigazione del traffico mercantile, si è evoluta negli anni per assicurare la protezione delle navi del World Food Programme (WFP) dell’ONU impegnate nel trasporto degli aiuti umanitari e per applicare, allo stesso tempo, un approccio integrato nella gestione delle emergenti sfide per la sicurezza marittima nell’Oceano Indiano, sviluppando un concetto di cooperazione internazionale che coinvolge tutti gli attori civili e militari presenti nell’area.

Il Force Commander della Task Force 465, Contrammiraglio Riccardo MARCHIÒ, al termine del suo incarico, ha rivolto un ringraziamento a tutto il personale civile e militare schierato sul Ponte di Volo di Nave FASAN, sottolineando l’importanza del diuturno lavoro svolto nel settore strategico del Golfo di Aden, Bacino Somalo, Mare Arabico e Golfo di Oman per garantire la Maritime Security, incrementare la cooperazione internazionale e la Maritime Situational Awareness (MSA).

"In aleis strenua in pugna invicta"