Sezione Torpediniere
Sottosezione Torpediniere da costa
Classe "PN" terza Serie


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     

Unità

Cantiere

Impostazione

Varo

Completamento

Radiazione

74 OLT

Orlando - Livorno

22/06/1916

25/10/1917

27/06/1918

06/06/1934

75 OLT

28/06/1916

12/01/1918

05/09/1918

19/11/1937

 



Dislocamento: p.c. 195 t; 201 t con le torpedini a bordo
Dimensioni: Lunghezza: f.t. 45,70 m
Larghezza: 4,69 m
Immersione: 1,18 m
Apparato motore:

2 caldaie a tubi d'acqua Thornycroft
2 turbine Orlando
2 eliche

Potenza:: 3500 cv
Velocità: 27 nodi
Combustibile:: 26 t nafta
Autonomia:

1.000 miglia a 14 nodi (con una caldaia)
860 miglia a 14 nodi
175 miglia a 27 nodi

Armamento:

2 lanciasiluri da 450 mm in impianto binato centrale
2 cannone da 76/30 mm
Sistemazione per 8÷10 torpedini "Bollo" su ferro guida a poppa

Equipaggio: 31 tra ufficiali, sottufficiali e marinai
Note generali Note generali: Le torpediniere della terza serie "OLT" furono costruite per iniziativa dei cantieri Orlando e poi acquistate dalla Regia Marina nel 1918; le due unità ebbero dimensioni maggiorate rispetto alle precedenti, sviluppando quindi un maggior dislocamento, incrementato da una maggiore dotazione di combustibile (26 t); da evidenziare che durante le prove, con dislocamento di 177 t, raggiunsero la velocità di 29 nodi.

 

Unità

Attività

74 OLT

Fu incorporata nella 18ª squadriglia dipartimentale della Spezia per la difesa del traffico marittimo nazionale del Tirreno; dopo la cessazione delle ostilità fino, al 1924, rimase impegnata tra Spezia e Livorno; durante un’esercitazione di lancio la torpediniera fu colpita a poppa da un siluro del sommergibile Emo, che seguì una traiettoria verticale irregolare; l’urto provocò uno squarcio nel deposito di nafta senza compromettere la sicurezza della nave.

75 OLT

Fu incorporata nella 18ª squadriglia dipartimentale della Spezia per la difesa del traffico marittimo nazionale del Tirreno; dopo la cessazione delle ostilità fino, al 1924, rimase impegnata tra Spezia e Livorno; nel marzo 1924 effettuò una missione sul Danubio, che risalì fino a Linz (Austria) e rientrò in acque metropolitane in ottobre.