Bollettini di guerra - Azioni navali nel giugno 1915

 

2 giugno


2giugno.jpgIeri 1 giugno una nostra forza navale incrociò tutto il giorno lungo l’arcipelago dalmata; ma dalle notizie finora pervenute non risulta che il nemico si sia lasciato avvistare.
Intanto, poiché nell’isola di Lissa, già per la seconda volta cannoneggiata dalla flotta francese nello scorso novembre, era stato ripristinato il servizio semaforico e radiotelegrafico, le nostre navi distrussero i nuovi impianti e distrussero anche l’importante stazione di vedetta al nord dell’isola Curzola.

THAON DI REVEL

 

3 giugno


3giugno.jpgNostre navi rientrate oggi da un servizio di esplorazione hanno riferito che 24 ore dopo il bombardamento di Monfalcone, compiuto il 31 maggio da nostri cacciatorpediniere, si scorgevano ancora da Porto Buso nuvole di fumo con lingue di fuoco innalzarsi da Monfalcone.

 

6 giugno


6giugno.jpgIeri 5 giugno, nel medio e basso Adriatico un nostro reparto navale ha compiuto varie operazioni contro le coste del nemico. Sono stati tagliati i cavi telegrafici che congiungevano il continente a isole dell’Arcipelago dalmata, distrutti tutti i fari e le stazioni di vedetta di quelle isole, bombardata e fortemente danneggiata la linea ferroviaria fra Cattaro e Ragusa.
Nello stesso giorno, nell’alto Adriatico un gruppo di nostri cacciatorpediniere, benché attaccato da aeroplani austriaci senza alcun successo, ha nuovamente bombardato Monfalcone ed affondato vari barconi carichi di merce. Navi maggiori in appoggio dei cacciatorpediniere incrociarono nelle stesse acque senza avvistare il nemico.

THAON DI REVEL

 

7 giugno


7giugno.jpgQuesta mattina, 7 giugno, una nostra squadriglia di cacciatorpediniere ha per la terza volta bombardato Monfalcone. Tre batterie di artiglieria piazzato in prossimità del castello di Duino hanno aperto un nutrito fuoco contro le nostre siluranti, le quali rivolto contro di esse il tiro, ne ridussero una al silenzio e incendiarono il castello. I nostri cacciatorpediniere sono ritornati incolumi.
Nella notte precedente una nuova incursione su Pola è stata eseguita da un nostro dirigibile. L’aeronave ha lasciato cadere varie bombe, che hanno tutte esplose sopra punti di carattere militare.

THAON DI REVEL

 

9 giugno


9giugno.jpgIeri mattina, 8 giugno, un nostro dirigibile volò su Fiume lasciando cadere varie bombe sopra luoghi di carattere militare. Di ritorno dalla incursione fu costretto per avarie ad abbassarsi sul mare in prossimità dell’isola di Lussin, e incendiò. Da comunicazioni del nemico pare che l’equipaggio dell’aeronave sia stato fatto prigioniero.

 

11 giugno


11giugno.jpgLa notizia contenuta in un comunicato ufficiale austriaco che una nave da guerra britannica del tipo Liverpool sia affondata al largo di San Giovanni di Medua non è vera. La nave inglese - cui accenna il comunicato austriaco - prese parte il giorno 9 corrente, insieme a nostre squadriglie di cacciatorpediniere, ad una operazione compiuta con successo contro la costa del golfo del Drin, e con esse fece ritorno in una nostra base alla velocità di 17 nodi.

 

17 giugno


17giugno.jpgUn nostro dirigibile, sorpassando campi trincerati nemici, ha ieri notte lanciato bombe di grande potenza sull’ importante nodo ferroviario di Divaccia producendo gravi danni. L’aeronave è tornata incolume nonostante il vivo fuoco di fucileria e mitragliere del nemico.
Il sommergibile Medusa, che aveva compiuto utili ed ardimentosi servizi di esplorazione, è stato silurato da un sommergibile nemico. Da comunicati austriaci risulterebbe che un ufficiale e quattro uomini dell’equipaggio sono stati salvati e fatti prigionieri

THAON DI REVEL

 

18 giugno


18giugno.jpgQuesta mattina esploratori e cacciatorpediniere austriaci hanno cannoneggiato i tratti della linea ferroviaria litoranea, in prossimità di Fano e Pesaro. Nessun danno alle persone. Lievissimi in breve tratto di binario.
Le città di Pesaro e Rimini, non ostante siano completamente indifese, sono state bombardate. I danni, però, sono di lieve entità e limitati a qualche casa privata. Tre persone delle popolazione civile di Rimini sono state leggermente ferite.

THAON DI REVEL

 

19 giugno


19giugno.jpgIeri e questa mattina il nemico ha tentato altre operazioni contro la nostra costa, ma senza conseguire alcun risultato.
Nel pomeriggio di ieri, una forza navale austriaca si presentò alle foci del Tagliamento. Fatta segno a successivi attacchi da nostre squadriglie di cacciatorpediniere, non ottenne altro risultato che il danneggiamento del faro.
I nostri cacciatorpediniere, nonostante fossero contrattaccati anche da un idrovolante, rientrarono incolumi.
Contemporaneamente noi bombardammo dall’aria il faro austriaco di Salvore.
Questa mattina un cacciatorpediniere austriaco ha sparato colpi contro Monopoli, procurando. senza riuscirvi. di incendiare i serbatoi di nafta.
In queste operazioni del nemico, nessun danno è stato arrecato al nostro personale, sia di mare che di terra, né alla popolazione civile.
Un nostro dirigibile ha invece bombardato nella notte scorsa, con accertati risultati, una fabbrica di munizioni e materiali de guerra presso Trieste, limitando l’attacco esclusivamente a quella fabbrica.
Un piccolo piroscafo mercantile, il Maria Grazia, è stato ieri fermato ed affondato nell’Adriatico, da un cacciatorpediniere austriaco.
L’equipaggio è salvo ed ha approdato alla nostra costa, presso la Marina di Silvi.

THAON DI REVEL