8 settembre 2006 11.43

Alle ore 09.00 di venerdì 8 settembre un ordigno è esploso al bordo della strada al passaggio di un mezzo militare italiano in attività di pattugliamento nei pressi di Farah, nella zona di responsabilità del Comando Ovest dell’Operazione I.S.A.F.
Nell’esplosione sono rimasti feriti quattro militari appartenenti al Comando Subacquei ed Incursori(COMSUBIN) della Marina Militare che sono stati immediatamente soccorsi, stabilizzati e trasportati agli ospedali di Herat e di Bagram.
I feriti sono:

- Tenente di Vascello Luigi Romagnoli;

- Capo di 1^ classe Stefano Pella;

- Sergente Ciro Fuiani;

- Sergente Michele Spano.

Nessuno dei feriti è attualmente in pericolo di vita, sebbene la prognosi sia mantenuta riservata per il Maresciallo Pella.